Ben-Essere psicofisico ai tempi del COVID

pilates tra i campi di lavanda

Ben-Essere psicofisico ai tempi del COVID: incontro esperienziale tra i filari della lavanda nella collina torinese

Gli effetti che la pandemia da Covid-19 ha generato hanno impattato in maniera significativa sulla vita di tutti.

Per quanto si possa cercare di essere razionali, noi tutti tendiamo naturalmente a farci influenzare dagli eventi che ci interessano e il momento storico che abbiamo vissuto ha sicuramente influito sul nostro benessere mentale e fisico. Molti di noi, infatti, si sono trovati a dover affrontare momenti di stress, disturbi del sonno, episodi di ansia lieve, così come aumento di contrazioni muscolari e minore elasticità.

L’attività fisica, così come prendere parte del proprio tempo per dedicarsi a sé stessi, può alleviare gli stati di ansia e migliorare la condizione fisica. Alternare la routine quotidiana con attività motorie, oltre al corpo, supporta anche la mente, in quanto riduce lo stress e la possibilità che si presentino i disturbi dell’umore. In più stimola l’organismo a produrre ormoni benefici per la mente, quali dopamina, serotonina e le endorfine.

Anche l’alimentazione può darci un valido supporto grazie all’integrazione di vitamine e acidi grassi come sostegno per il nostro equilibrio psico-fisico.

Per tutti questi motivi, nell’ambito del progetto Welfare Verde si è pensato di organizzare un pomeriggio diverso per i dipendenti e collaboratori di Agrialpi Service e CIA Agricoltori delle Alpi di Torino.

Il 17 giugno  presso l’Azienda Agricola Officinali della collina  di Pino T.se, guidati dalle Istruttrici dell’Associazione Sportiva Essere Aps Santenafitness  i dipendenti  hanno sperimentato un breve percorso esperienziale in un contesto naturale tra i filari della lavanda e della melissa.

Le pratiche olistiche proposte sono state Pilates, Yoga e Stretching dei Meridiani.

Il pomeriggio si è concluso con un aperitivo a base di prodotti agricoli del territorio

Il consumo di carne rossa nella dieta settimanale

Il consumo di carne rossa nella dieta settimanale

Il rapporto tra nutrizione, corretta alimentazione e salute è molto stretto.

Secondo le “Linee Guida per una Sana Alimentazione Italiana – anno 2018 “ elaborate del CREA (Centro di ricerca Alimenti e Nutrizione del Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria)  le fondamentali “regole” da seguire, al fine di conservare un benessere prolungato per tutto l’arco della vita, sono poche e semplici. La prima regola è che nessun alimento, eccezion fatta per allergie o intolleranze – dovrebbe essere escluso da una corretta dieta che come la nota “Dieta Mediterranea” deve essere ricca di alimenti, completa e varia.

Quanto e come inserire la carne nella nostra dieta settimanale?

Lo abbiamo chiesto al Dott. Veronese, biologo nutrizionista, esperto di alimentazione e integrazione alimentare, operante nel settore del fitness e benessere da piu’ di 30 anni.

Il consumo di carne rossa nella dieta settimanale – intervista

Hai adottato un cane o un gatto? per te il 730 è gratis

adozione gattino randagio

Hai adottato un cane o un gatto randagio?
per te il 730 è gratuito

730 gratis a chi ha fatto un’adozione al canile o al gattile nel 2020 o 2021.

L’iniziativa spiegata da Cinzia Cottali,  vicedirettore e Welfare Manager di Asso Servizi di Alessandria, su Telecity; in studio, Alessandra Dellacà.

Iniziativa valida su tutti i Caf Cia dei centri Zona della Provincia di Alessandria

Vai all’intervista

Bonus 110 %

bonus 110%

Bonus 110%

Il bonus 110% è una misura di incentivazione introdotta dal D.L. “Rilancio” 19 maggio 2020, n. 34, che punta a rendere più efficienti e più sicure le nostre abitazioni.

l Decreto mira a incentivare l’efficienza energetica del nostro patrimonio nazionale; ciò si traduce in consumi minori per il cittadino e soprattutto meno inquinamento, con una maggiore sostenibilità ambientale.

Il meccanismo prevede che gli interventi possano essere svolti anche a costo zero per il cittadino!

ll responsabile Caf Cia Alessandria Giampiero Piccarolo lo spiega ai microfoni di RadioGold, intervistato dal direttore Fabrizio Laddago.

Vai all’intervista

Il dilemma della bistecca

Il dilemma della bistecca

Nell’ambito del progetto Welfare Verde, Asso Servizi e la Cia di Alessandria  il 28 maggio 2021 hanno organizzato un convegno dal titolo “Il dilemma della bistecca”

L’iniziativa ha voluto fare chiarezza sul comparto produttivo, attraverso una corretta informazione, sfatando le fake news, riportando i dati scientifici degli studi di settore, illustrando le proprietà nutritive della carne, analizzando l’impatto ambientale relativo alla zootecnia.

Il convegno si è svolto con i  relatori  in presenza presso la  Canonica di Corteranzo a Murisengo (AL), ma si è potuto seguire l’evento  online sul canale Youtube Cia Alessandria

Ad aprire i lavori Luigi Andreis – direttore Agrialpi Service srl, a seguire le relazioni di Enrico Veronese – biologo nutrizionista (“Il consumo della carne”), Davide Biagini – ricercatore Disafa Università di Torino (“Sostenibilità degli allevamenti bovini da carne”), Gian Piero Ameglio – allevatore di Razza Piemontese e presidente provinciale Cia Alessandria; le conclusioni a cura di Gabriele Carenini – presidente regionale Cia Piemonte. Moderatrice Genny Notarianni, Ufficio stampa Cia Alessandria.

locandina DILEMMA DELLA BISTECCA